Loading
/ / / FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER PMI INDUSTRIALI, ARTIGIANE E DI SERVIZI (Legge “Nuova Sabatini”)
10
Progetti realizzati

Finalità

Accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese e migliorare l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese.

Beneficiari

Piccole e Medie Imprese con sede operativa in Italia, tranne le imprese operanti nei settori delle attività finanziarie, assicurative e le attività connesse all’esportazione oltre che per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione. 

Tipologia ed entità delle agevolazioni

Finanziamento fino al 100% dell’importo dell’investimento ammissibile da un minimo di 20mila euro a un massimo di 4 milioni di euro, erogato da una banca o intermediario convenzionato.

Il Contributo concesso è pari all’ammontare degli interessi calcolati su un piano di ammortamento convenzionale di cinque anni con rate semestrali al tasso del 2,75% annuo per gli investimenti ordinari e al tasso del 3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (investimenti in tecnologie cd. “industria 4.0”).

Per esempio a fronte di un finanziamento pari a € 500.000,00 il contributo sarà pari a € 38.586,83 in caso di investimenti ordinari e pari a € 50.461,93 in caso di investimenti in tecnologie digitali.

Spese ammissibili

Acquisto o acquisizione in leasing di macchinariimpianti, beni strumentali d’impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché di hardware, software, tecnologie digitali destinati a strutture produttive già esistenti o da impiantare.

Tempistiche

Investimento da avviarsi successivamente alla trasmissione della domanda di agevolazione e da completarsi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

Il contributo in conto interessi viene erogato a fondo perduto in un’unica tranche, una volta completato e rendicontato l’investimento.

Nota bene

Con il decreto direttoriale 2 luglio 2021, è disposta, a partire dalla data del medesimo decreto, la riapertura dello sportello per la presentazione delle domande di accesso ai contributi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × due =

Top